"Mi hanno chiesto una traduzione giurata!"

 
"Mi hanno chiesto una traduzione giurata!"
"Fate traduzioni legali?"
"Mi serve un documento con Apostille"
"Forse ci vuole l'asseverazione"

Alcune volte, per alcuni speciali atti amministrativi, non è sufficiente una traduzione cosiddetta "semplice". 
Infatti, le Autorità possono richiedere una traduzione che abbia valore legale nel territorio dove deve essere utilizzato il documento. 
Pensiamo, ad esempio, a un certificato di morte da usare ai fini della pratica di successione. Probabilmente, se lo zio è deceduto in America, possiamo fare leggere la traduzione "semplice" al geometra o al professionista che ci assiste per prendere nota dei dati anagrafici e ogni altra informazione utile. 
Tuttavia, per il perfezionamento amministrativo della pratica, il documento da allegare deve essere tradotto e legalizzato -reso legale- mediante l'ausilio di un professionista traduttore che, al pari di un perito, rende testimonianza davanti a pubblico ufficiale sottoscrivendo il verbale di "asseverazione". Tale documento tradotto e sarà allegato all'originale per essere sottoposto a "giuramento" e quindi asseverato. Su questo unico nuovo documento (originale+traduzione)  andrà apposta la marca da bollo in vigore per gli atti amministrativi. 
Se il documento è destinato ad essere utilizzato presso uffici amministrativi al di fuori dello Stato italiano, può essere richiesto un ulteriore passaggio di autentiche di firme, che rende più snello il sistema di riconoscimento "legale" delle traduzioni tra Paese e Paese. Si tratta dell'Apostille, un timbro speciale che si appone ai documenti tradotti e asseverati, e che "trasla" la legalità dell'atto tradotto in quei Paesi firmatari dell'accordo internazionale. Per un elenco dei Paesi aderenti alla Convenzione dell'Aja, vedi qui.




 
 TRASEL -Traduzioni e Servizi linguistici
via Gabriele D'Annunzio 89
64100 Teramo
base_779
  Site Map